Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

In maggio le strutture alberghiere svizzere hanno registrato 2,5 milioni di pernottamenti, lo 0,6% o 15'000 unità in più rispetto allo steso mese del 2011. Gli ospiti indigeni hanno segnato un aumento del 3,3% (+34'000) a un milione di pernottamenti, mentre quelli stranieri un calo dell'1,2% (-18'000) a 1,5 milioni. In Ticino i pernottamenti sono stati 231'300, lo 0,1% o 317 unità in meno di un anno prima.

Sui risultati potrebbe avere influito il fatto che nel 2012 l'Ascensione e la Pentecoste siano cadute a maggio, l'anno scorso in giugno, rileva l'Ufficio federale di statistica (UST) in una nota odierna. Bisognerà quindi tener conto dei risultati di maggio e di giugno per poter valutare il vero andamento della domanda.

Sei regioni turistiche su tredici hanno registrato un aumento dei pernottamenti. L'incremento più marcato in termini assoluti si è avuto nella regione di Lucerna/Lago dei Quattro Cantoni (+12'000, +4%). Seguono l'Oberland bernese (+11'000, +4,9%), i Grigioni (+10'000, +8,7%) e il Vallese (+6'200, +5,2%). La regione di Zurigo invece segna la flessione più marcata con 15'000 pernottamenti in meno (-2,9%) rispetto a maggio 2011. Ginevra ha subito una diminuzione di 6'300 pernottamenti (-2,4%), la regione Lago Lemano (Vaud) di 5'800 unità (-2,6%).

Quanto alla provenienza dei turisti stranieri, i visitatori asiatici sono cresciuti dell'8,3% (+25'000 unità) rispetto allo stesso mese del 2011. La Cina (senza Hong Kong) ha generato 16'000 pernottamenti supplementari (+34%), ovvero il maggior incremento in termini assoluti di tutti i paesi di provenienza. Seguono i paesi del Golfo con un aumento di 5'200 pernottamenti (+22%) e il Giappone, con 3'800 unità in più (+13%). La Repubblica di Corea presenta tuttavia un calo di 2'900 unità (-15%).

Il continente europeo (senza la Svizzera) invece ha registrato una contrazione di 43'000 pernottamenti (-4,6%). La Germania ha registrato la diminuzione maggiore di tutti i paesi di provenienza in termini assoluti, con una flessione di 25'000 (-7,1%). Seguono il Regno Unito con una regressione di 14'000 unità (-12%) e i Paesi Bassi con un calo di 5'300 unità (-11%). Al contrario la Russia ha segnato un incremento di 3'200 notti (+8,9%).

Per quanto riguarda il continente americano, è stata registrata una contrazione di 3'300 unità (-1,6%). I turisti provenienti dagli Stati Uniti hanno generato 4'900 pernottamenti in meno (-3,4%). L'Oceania e l'Africa hanno presentato per contro aumenti di rispettivamente 1'900 (+7,2%) e 630 pernottamenti (+2,5%).

Da gennaio a maggio il numero cumulato di pernottamenti ha raggiunto i 13,7 milioni, pari a una flessione del 3,2% (-460'000) rispetto allo stesso periodo dell'anno scorso. La domanda degli ospiti stranieri è diminuita del 6,2% (-495'000) a 7,4 milioni di unità, mentre quella indigena è salita dello 0,6% (+35'000) a 6,2 milioni. In Ticino nei primi cinque mesi si è verificato un calo del 5,4% (-39'000) a 691'457 pernottamenti, mentre nei Grigioni la flessione è stata del 7% (-175'000) a 2,3 milioni.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.








Teaser Longform The citizens' meeting

Non mancate il nostro approfondimento sulla democrazia diretta svizzera

1968 in Svizzera

SDA-ATS