Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

La meteo ben poco estiva ha avuto un impatto importante sul turismo svizzero: in luglio il settore alberghiero ha registrato 3,9 milioni di pernottamenti, con una contrazione del 2,7% rispetto allo stesso periodo del 2013 (circa 110'000 notti in meno). Ancora più marcata è stata la flessione in Ticino, che ha subito un arretramento del 7,7% a 352'781, e nei Grigioni, scivolati all'indietro del 6,2% (a 561'577).

A livello nazionale la flessione più importante è stata registrata dagli ospiti svizzeri (-3,7% a 1,7 milioni), mentre per gli stranieri la diminuzione si è limitata all'1,9% (a 2,2 milioni), informa oggi l'Ufficio federale di statistica (UST). Le abbondanti piogge e il clima poco favorevole del mese di luglio non sono certamente estranei a questi risultati, commentano gli esperti di Neuchâtel.

Nel periodo da gennaio a luglio il numero cumulato di pernottamenti ha raggiunto quota 21 milioni, con una contrazione su base annua dello 0,6%. Il calo è stato praticamente identico sia per gli svizzeri (-0,6% a 9,3 milioni) che per gli stranieri (-0,5% a 11,7 milioni).

Tornando al dato di luglio, spicca la forte diminuzione di ospiti provenienti dalla Germania: un -9,1% che in cifre assolute significa 43'000 notti in meno. Importante è risultata anche diserzione degli olandesi (-6300, pari a un -6,2%), dei russi (-5,0%), dei francesi (-3,1%) e degli inglesi (-1,2%). In controtendenza sono invece gli italiani (+2600, +2,7%).

A salvare il mese ci hanno pensato gli asiatici (+3,8%), con in prima fila i cinesi (+19'000, +14,1%). Ancora una volta assai dinamica si è mostrata anche la Corea del Sud (+8300, +33,8%), mentre in netto calo sono risultati i giapponesi (-22'000, -16,2%). Buone nuove giungono dal continente americano (+9600, +3,3%).

Focalizzando l'attenzione sulle singole regioni turistiche si nota che le bizze del tempo hanno fatto soffrire soprattutto Ticino e Grigioni, seguiti da Oberland bernese (-6,0%) e Vallese (-5,1%). Hanno invece approfittato della situazione la zona del Lemano (+3,1%) e Zurigo (+1,6%).

Neuer Inhalt

Horizontal Line


swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.









SDA-ATS