Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

In settembre il settore alberghiero svizzero ha registrato 3,35 milioni di pernottamenti, l'1,0% in meno rispetto allo stesso mese dell'anno scorso.

Gli ospiti indigeni hanno generato 1,54 milioni di notti, registrando una flessione del 2,5%, mentre per quelli stranieri sono stati rilevati 1,81 milioni di pernottamenti, con un leggero aumento dello 0,3%. È quanto emerge dai risultati provvisori dell'Ufficio federale di statistica (UST). In Ticino e nei Grigioni risulta una flessione del 7,6% a rispettivamente 257'310 e 369'022 pernottamenti.

Da inizio anno, il numero cumulato di notti ha raggiunto quota 28,52 milioni, registrando un calo dello 0,5% rispetto ai primi nove mesi del 2014, di cui 15,83 milioni a carico dei turisti esteri (-1,4%) e 12,69 milioni da parte degli svizzeri (+0,6%). Per il Ticino risulta complessivamente una contrazione del 6,8% a 1,81 milioni, per i Grigioni una diminuzione del 5,2% a 3,97 milioni.

In settembre, i visitatori provenienti dal continente europeo (senza la Svizzera) hanno fatto segnare un calo annuo del 9,4% (-105'000). La Germania, con 68'000 pernottamenti in meno (-16,0%), segna la maggior flessione di tutti i paesi di provenienza in termini assoluti. Seguono la Russia con una flessione di 9800 pernottamenti (-31,7%) e i Paesi Bassi (-7200; -14,1%).

Per quanto concerne il continente asiatico, il numero dei pernottamenti è aumentato di 95'000 unità (+25,9%). La Cina (senza Hong Kong) ha generato 40'000 pernottamenti supplementari (+40,5%), ovvero il maggior aumento di tutti i paesi di provenienza in termini assoluti. Seguono poi i Paesi del Golfo con un incremento di 32'000 unità (+44,5%) e l'India (+8200; +24,3%).

Per quanto concerne il continente americano, il numero di pernottamenti è aumentato di 11'000 unità, registrando un incremento pari al 4,2%. Il continente africano e quello oceanico hanno presentato aumenti rispettivi di 2500 (+10,3%) e di 1400 pernottamenti (+3,3%).

In termini di regioni turistiche, in settembre nove su quattordici hanno registrato una diminuzione degli ospiti rispetto a dodici mesi prima. In controtendenza solo quella di Zurigo (+7,1%), la regione Lucerna/Lago dei Quattro Cantoni (+4,3%), l'Oberland bernese (+2,7%) e la regione di Basilea (+5,4%).

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS