Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

in Svizzera le persone attive con passato migratorio sono spesso troppo qualificate per il lavoro che svolgono.

Esse occupano anche più di rado posizioni al vertice rispetto a quelle senza passato migratorio, anche se le differenze tra i due gruppi si sono in parte affievolite, indica un'analisi per il 2014 dell'Ufficio federale di statistica (UST).

Complessivamente in Svizzera una persona su sette con un diploma nel settore terziario occupa un posto di lavoro dove la sua formazione non è necessaria. Nelle persone con passato migratorio la quota è del 18%, mentre per gli altri dell'11,5%.

I "secondos" e gli appartenenti alla terza generazione d'arrivo o più lavorano meno spesso sotto il loro livello di formazione rispetto alle persone nate all'estero (prima generazione). In confronto al 2013 la quota delle persone troppo qualificate di seconda o terza generazione (ed oltre) è però cresciuta dall'11 a quasi il 16%.

Secondo l'UST, anche se le differenze nel mondo del lavoro legate alle origini delle persone sono diminuite, il numero di impiegati nei livelli alti delle persone con passato migratorio (33%) continua ad essere inferiore a quello degli altri (35,5%).

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

SDA-ATS