Navigation

Peschereccio sperona motovedetta italiana, aperto fuoco

Momenti di tensione a largo di Lampedusa. Immagine d'archivio. KEYSTONE/AP/FRANCESCO MALAVOLTA sda-ats
Questo contenuto è stato pubblicato il 30 settembre 2020 - 10:27
(Keystone-ATS)

Una unità della Guardia di finanza ha aperto il fuoco contro un peschereccio tunisino che non s'è fermato all'Alt e che, tentando di scappare, ha speronato una motovedetta.

Il peschereccio "Mohanel Anmed", dopo l'inseguimento in acque internazionali, è stato bloccato dai militari delle Fiamme gialle che lo hanno condotto a Lampedusa (Agrigento).

Il motopesca aveva calato, stando a quanto emerge dalle prime ricostruzioni, le reti a 9 miglia circa (in acque territoriali italiane) dalla costa di Lampedusa.

È scattato quindi il controllo da parte di Guardia costiera e Guardia di finanza, ma il natante non solo non si è fermato ma ha anche speronato una motovedetta italiana. È di conseguenza iniziato l'inseguimento in acque internazionali, durante il quale, prima di abbordare il peschereccio, sono stati esplosi numerosi colpi.

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.