Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

La produzione del petrolio verrà "congelata" al livello dell'11 gennaio. Lo riporta la Tass, citando il ministro dell'Energia del Qatar.

È il risultato del meeting a Doha tra ministri dell'Energia e del Petrolio di alcuni Stati membri Opec, come Arabia Saudita e Venezuela, e la Russia.

Mosca si augura che "tutti i membri dell'Opec sottoscrivano l'accordo raggiunto a Doha da Russia, Arabia Saudita, Qatar e Venezuela". Lo ha detto il rappresentante permanente russo presso il cartello dei paesi produttori di petrolio - di cui Mosca non fa parte - Vladimir Voronkov.

L'accordo per congelare la produzione di petrolio ai livelli dell'11 gennaio è condizionato alla partecipazione degli altri produttori di petrolio.

"I quattro Paesi - recita il comunicato diffuso dal ministero dell'Energia russo - sono pronti a congelare la produzione di greggio ai livelli di gennaio se altri produttori di petrolio si associano a questa iniziativa".

A Doha si sono incontrati il ministro dell'Energia russo Alexander Novak e i rappresentanti di tre nazioni dell'Opec: il ministro del Petrolio dell'Arabia Saudita Ali Al-Naimi, il ministro dell'Energia e dell'Industria del Qatar Mohammed bin Saleh al-Sada e il ministro del Petrolio del Venezuela Eulogio del Pino.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS