Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Nell'ambito della procedura di moratoria concordataria del gruppo di raffinerie Petroplus, con sede a Zugo, si sono annunciati circa 500 creditori che hanno avanzato richieste per un ammontare totale di quasi 9 miliardi di franchi.

Attualmente sono state riconosciute circa due terzi delle pretese, ha riferito oggi il curatore fallimentare. Non è ancora stabilito quale sarà il dividendo per i creditori di terza classe, che sarà in una forchetta compresa tra il 2,92% ed il 16,6%.

I creditori di terza classe sono quelli che rimangono dopo aver riconosciuto le richieste di salariali (prima classe) e di prestazioni sociali come AVS e AI (seconda classe).

Il gruppo Petroplus nel gennaio del 2012 aveva annunciato l'impossibilità di far fronte a debiti per un ammontare di 1,75 miliardi di dollari. Prima del dissesto dava lavoro a 2500 persone nei siti di Cressier (NE, 270 dipendenti), Petit-Couronne (Francia), Anvers (Belgio), Coryton (Gran Bretagna) e Ingolstadt (Germania).

In seguito sono state avviate procedure fallimentari separate per le varie raffinerie. Per quella neocastellana e per la holding è stata concessa una moratoria concordataria.

Inattiva dalla metà di gennaio del 2012, la raffineria di Cressier nel maggio seguente è stata ceduta per 30 milioni di franchi alla Varo, impresa detenuta dal commerciante di materie prime Vitol e dalla società di partecipazioni AtlasInvest. Tutti i dipendenti hanno ripreso il lavoro nella seconda metà del luglio dello stesso anno.

SDA-ATS