Navigation

Petroplus: raffineria Cressier ceduta a Varo

Questo contenuto è stato pubblicato il 03 maggio 2012 - 08:19
(Keystone-ATS)

Petroplus ha firmato un accordo definitivo che stipula la vendita della raffineria di Cressier, nel cantone di Neuchâtel, a Varo, impresa detenuta dal commerciante di materie prime Vitol e dalla società di partecipazioni AtlasInvest.

Varo intende riprendere l'attività dell'impianto, ha indicato oggi Petroplus, gruppo con sede a Zugo. Il prezzo della transazione non è stato reso noto.

L'operazione di vendita - sottoposta all'autorizzazione del Tribunale cantonale di Zugo e del Tribunale regionale di Boudry (NE) dovrebbe essere conclusa nel secondo trimestre. Petroplus beneficia attualmente di una moratoria concordataria.

Inattiva da metà gennaio, la raffineria di Cressier conta circa 260 dipendenti. Petroplus dava lavoro prima del dissesto a 2500 persone a Cressier, Petit-Couronne (Francia), Anvers (Belgio), Coryton (Gran Bretagna) e Ingolstadt (Germania).

Cressier è una delle due raffinerie svizzere con quella di Collombey in Vallese, proprietà del gruppo Tamoil.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Cambia la tua password

Desideri veramente cancellare il tuo profilo?