Navigation

Piano d'azione dei servizi industriali per uscire dal nucleare

Questo contenuto è stato pubblicato il 02 luglio 2012 - 12:15
(Keystone-ATS)

Diciannove servizi industriali di città elvetiche si impegnano per uscire dal nucleare. Riuniti in seno a Swisspower, impresa di servizi energetici, i loro rappresentanti hanno firmato oggi un piano d'azione ("Masterplan 2050") che mira ad attuare la decisione del Consiglio federale di abbandonare questa forma di energia entro il 2050.

I comuni firmatari si impegnano ad approvvigionare, sul lungo periodo, la Svizzera con energie rinnovabili. I 19 servizi industriali, che riforniscono 1,1 milioni di clienti, sono convinti che la svolta energetica sia tecnicamente realizzabile e possa essere finanziata secondo le regole del mercato, hanno indicato oggi in una conferenza stampa a Berna.

Swisspower vede nelle reti di telecomunicazione intelligenti un mezzo efficace per sviluppare la sua strategia. In quest'ottica, i servizi industriali perseguono un approccio globale e promuovono l'efficienza energetica e le energie rinnovabili. Vogliono pure impegnarsi nello sviluppo di infrastrutture della rete elettrica e nella cooperazione con l'Unione europea.

Con la creazione, a fine 2011, di Swisspower Renewables SA, essi dispongono di una società che investe negli impianti di produzione di energia rinnovabile. Un primo progetto è in corso di pianificazione e sarà concluso prossimamente.

Swisspower riunisce essenzialmente i servizi industriali di città svizzerotedesche.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Cambia la tua password

Desideri veramente cancellare il tuo profilo?