Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

ZURIGO - I due più grossi istituti bancari elvetici non dovrebbero essere toccati dal piano statunitense che prevede nuovi paletti normativi per le banche.
UBS e Credit Suisse sono molto presenti sul mercato statunitense, spiegano alcuni analisti, ma a causa della crisi finanziaria esse hanno già ridotto le attività attualmente nel mirino dell'amministrazione Obama.
È tuttavia possibile che il piano statunitense apra la strada a misure più restrittive anche a livello internazionale, che potrebbero limitare il potenziale di guadagno dei grandi istituti, puntualizza l'analista della Banca cantonale zurighese Andreas Venditti.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.









SDA-ATS