Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Anche la cassa malattia CSS ricorre contro la sentenza del tribunale cantonale di Zurigo che a metà maggio ha negato un risarcimento a una ragazza rimasta gravemente disabile per un'embolia polmonare subita in seguito all'assunzione della pillola contraccettiva Yasmin. Per l'assicuratore si tratta di stabilire fino a dove valga la responsabilità del produttore del farmaco, il gruppo tedesco Bayer.

Lunedì la famiglia della giovane, oggi 22enne, aveva annunciato che avrebbe portato il caso a Losanna. In un comunicato odierno anche la CSS annuncia a sua volta un ricorso. Secondo la cassa l'embolia rappresenta un effetto collaterale provato della pillola: si tratta di stabilire se Bayer abbia informato a sufficienza su questo pericolo. Vista l'importanza della vicenda, che tocca anche altri casi, è auspicabile una sentenza di principio del Tribunale federale.

SDA-ATS