Navigation

PLR avvia discussione interna sull'energia nucleare

Questo contenuto è stato pubblicato il 05 aprile 2011 - 16:47
(Keystone-ATS)

Il Partito Liberale Radicale (PLR) rifiuta ogni abbandono immediato o prematuro dell'energia nucleare, ma intende comunque lanciare la discussione interna sul futuro approvvigionamento energetico della Svizzera.

Lo hanno stabilito nell'incontro di ieri sera la direzione del partito e gli esponenti PLR delle commissioni parlamentari dell'ambiente, della pianificazione del territorio e dell'energia (CAPTE).

Occorre esaminare le soluzioni alternative, in quanto la costruzione di nuove centrali atomiche non è più in grado di raccogliere la maggioranza dei consensi, sottolinea il PLR in un comunicato odierno.

La commissione del PLR per le questioni energetiche proseguirà l'esame della situazione e delle alternative all'atomo in due prossime riunioni, alla metà di aprile e alla fine di maggio. Le Camere federali hanno previsto un dibattito speciale in materia nella sessione di giugno.

La politica energetica del PLR - aggiunge la nota odierna - si basa su quattro pilastri: la sicurezza della produzione, la sicurezza dell'approvvigionamento, l'efficacia e la protezione ambientale nonché la competitività dei prezzi.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Cambia la tua password

Desideri veramente cancellare il tuo profilo?