Navigation

Pmi svizzere: più ottimiste su prospettive export

Questo contenuto è stato pubblicato il 10 ottobre 2012 - 11:24
(Keystone-ATS)

Nella maggior parte dei rami, le piccole e medie imprese (Pmi) svizzere prevede un incremento delle esportazioni nel quarto trimestre. Le prospettive sui mercati esteri sono leggermente migliorate e la forza del franco preoccupa un po' meno, stando agli indicatori elaborati da Credit Suisse e Osec (Business Network Switzerland).

Il barometro calcolato dalla grande banca si è attestato a -0,86, un dato leggermente migliore rispetto a quello relativo al terzo trimestre (-0,92).

Alle prospettive delle Pmi in materia di export l'OSEC ha attribuito 56,3 punti, 1,1 in più della valutazione precedente. Valori superiori a 50 segnalano una crescita del commercio estero, si legge in una nota congiunta.

Fra i vari comparti in primo piano figura l'elettrotecnica che si aspetta una crescita marcata. Moderate invece le aspettativa per i settori chimico-farmaceutico, dei beni di consumo, dei servizi e dell'industria cartaria.

Stando al barometro, sono previsti impulsi soprattutto in provenienza dai paesi emergenti, in primo luogo dall'India, dalla Russia e dalla Turchia, mentre le prospettive in relazione al mercato cinese si stanno indebolendo.

Condividi questo articolo

Cambia la tua password

Desideri veramente cancellare il tuo profilo?