Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Una cultura di batteri della salmonella.

Keystone/AP/MARTIN ANGELSTEIN

(sda-ats)

Un vaccino contro la salmonellosi. È il progetto a cui sta lavorando il Politecnico di Zurigo (ETH). Dopo sei anni i ricercatori hanno scoperto che alcuni anticorpi proteggono dalle infezioni. Lo studio è stato pubblicato sulla rivista Nature.

Concretamente, gli anticorpi IgA (immunoglobuline A) riescono a isolare i batteri. Quest'ultimi possono moltiplicarsi, ma rimangono prigionieri. Ciò evita una contaminazione dei tessuti intestinali - e dunque delle infiammazioni - e accelera la loro evacuazione per via naturale.

Il processo, già osservato in provetta, funziona anche in vivo con una debole densità di batteri. L'elemento determinante è il loro tasso di riproduzione, afferma l'equipe di Emma Slack dell'Istituto di microbiologia dell'ETH che ha lavorato con partner ticinesi, francesi, italiani, svedesi e australiani.

Il principale campo d'applicazione del futuro vaccino anti-salmonellosi è l'allevamento di animali da reddito. Un vaccino per l'uomo sarebbe anche immaginabile, per esempio per le persone che lavorano in zone sinistrate o che viaggiano spesso in luoghi dove questo tipo di infezione è frequente.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS