Navigation

Polizia: in netto aumento uso del taser

È sempre più frequente il ricorso al taser da parte degli agenti di polizia svizzeri. KEYSTONE/SALVATORE DI NOLFI sda-ats
Questo contenuto è stato pubblicato il 07 maggio 2020 - 14:05
(Keystone-ATS)

Nel 2019 i poliziotti svizzeri hanno usato molto più spesso il taser che in passato. Gli agenti hanno fatto ricorso al dissuasore elettrico in 73 casi, contro i 45 dell'anno precedente. Le armi da fuoco sono invece state utilizzate 15 volte (+3).

Il taser, pistola che con una scarica elettrica paralizza i movimenti, in due casi su tre è stato impiegato per immobilizzare soggetti ubriachi o drogati, indica oggi in una nota la Conferenza dei comandanti delle polizie cantonali (CCPCS). Nel 45% delle situazioni si trattava di persone armate.

La CCPCS motiva il sensibile incremento con il parallelo aumento delle cifre relative a infrazioni violente, così come di quelle inerenti a minacce nei confronti dei funzionari. Pertanto, l'uso del taser, assicura il suo presidente Stefan Blättler, "non è sconsiderato, bensì legato al principio della proporzionalità come tutti gli strumenti coercitivi". Questo storditore è inoltre sempre più diffuso nel corpo di polizia.

Per quel che concerne le armi da fuoco, vi è sì stata una crescita dei casi repertoriati, ma il totale è rimasto all'interno della media pluriennale. Parecchie volte sono state usate per prevenire potenziali pericoli portati da animali in prossimità delle strade oppure contro veicoli.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.