Navigation

Polonia: a Varsavia bruciata bandiera dell'Unione europea

Una folla di gente è scesa in strada oggi a Varsavia in occasione della Festa dell'indipendenza KEYSTONE/EPA PAP/PAWEL SUPERNAK sda-ats
Questo contenuto è stato pubblicato il 11 novembre 2019 - 18:41
(Keystone-ATS)

Hanno bruciato la bandiera dell'Unione europea i giovani mascherati che partecipano oggi pomeriggio in massa alla Marcia indetta a Varsavia da varie organizzazioni nazionaliste radicali polacche in occasione della Festa dell'indipendenza.

Lo si apprende dal sito del giornale Gazeta Wyborcza. Gli altri presenti hanno accompagnato il gesto con il grido "via l'Unione europea".

Alla marcia, arrivata quest'anno alla decima edizione, avrebbero partecipato 47'000 persone, secondo il municipio, 150'000 secondo gli organizzatori. Meno degli scorsi anni, secondo alcuni osservatori, mentre per i promotori si sarebbe trattato di una delle più grandi manifestazioni dell'estrema destra in Europa.

Lungo il percorso le forze di polizia hanno allontanato un gruppo che protestava sotto un grande manifesto con la scritta "La costituzione". Parallelamente, nella capitale polacca si è svolta anche una Marcia antifascista, che ha radunato circa 10'000 persone, che ha cantato 'Bella Ciao'. I percorsi delle due marce erano diversi, quindi non c'è stato alcun contatto tra le due fazioni.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.