Navigation

Polonia: fermate 213 persone per pedopornografia

Questo contenuto è stato pubblicato il 09 giugno 2011 - 15:29
(Keystone-ATS)

Duecentotredici persone, sospettate di possedere e diffondere materiali pornografici con i minorenni, sono state fermate in Polonia. Lo ha annunciato il portavoce della sede centrale ella polizia polacca, precisando che l'operazione denominata "Charly II" è stata possibile grazie alle segnalazioni arrivate dai altri paesi tramite l'Interpol.

La polizia polacca ha sequestrato 286 pc, 190 hard disc e oltre 13 mila dischi cd e o dvd con il materiale sospettato. Nella simile, precedente operazione svoltasi nel gennaio scorso, la polizia aveva fermato 120 persone. Fra 2007 e 2009, la polizia polacca ha fermato complessivamente oltre mille persone coinvolte nelle giro della pedopornografia tramite internet, 300 della quali sono state denunciate in tribunale. Si tratta di un reato per il quale si rischia fino ad 8 anni di reclusione.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Cambia la tua password

Desideri veramente cancellare il tuo profilo?