Nella Polonia di oggi viene "smontato lo stato di diritto", "violata la costituzione", "screditata l'idea del parlamentarismo"; l'attuale potere "sta per devastare lo Stato, le sue istituzioni e le procedure".

Un giudizio così severo sulla Polonia di oggi è stato espresso dall'ex presidente polacco e premio Nobel per la pace del 1983 Lech Walesa, nel suo messaggio per i 100 anni dal recupero dell'indipendenza da parte della Polonia, pubblicato dal quotidiano "Gazeta Wyborcza".

L'uomo-simbolo di Solidarnosc rende omaggio ai fondatori della Repubblica polacca nel 1918: Jozef Pilsudski, Roman Dmowski, Ignacy Paderewski e gli altri, ma ricorda che nel corso della metà dei cento anni passati la Polonia non è stata libera.

Parole chiave

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.