Navigation

Polonia deferita Corte giustizia UE su indipendenza giudiziaria

La Commissione europea ha deferito la Polonia alla Corte di giustizia dell'UE in merito al nuovo regime disciplinare sui giudici, che ne mina l'indipendenza e non dà garanzie sufficienti per proteggerli dal controllo politico. KEYSTONE/EPA/NICOLAS BOUVY sda-ats
Questo contenuto è stato pubblicato il 10 ottobre 2019 - 13:34
(Keystone-ATS)

La Commissione europea ha deciso di deferire la Polonia alla Corte di giustizia dell'Ue in merito al nuovo regime disciplinare sui giudici, richiedendo una procedura accelerata. È una nuova tappa nel braccio di ferro fra Bruxelles e Varsavia.

Lo scorso 3 aprile la Commissione europea ha avviato la procedura di infrazione contro la Polonia in base al fatto che il regime disciplinare mina l'indipendenza giudiziaria dei giudici e non assicura le garanzie necessarie per proteggerli dal controllo politico, come richiesto dalla Corte di giustizia dell'Ue.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.