Navigation

Popolazione: 7 miliardi a fine ottobre

Questo contenuto è stato pubblicato il 26 ottobre 2011 - 13:22
(Keystone-ATS)

Nel 1999 eravamo 6 miliardi e il prossimo 31 ottobre la Terra avrà un miliardo di abitanti in più. Ma il traguardo è destinato a durare poco: nel 2100 infatti, la popolazione mondiale supererà i 10 miliardi, toccando quota 15 se i tassi di crescita resteranno quelli attuali.

Ad annunciarlo è il rapporto 'Lo stato della popolazione del mondò, stilato dal Fondo delle Nazioni Unite per la popolazione (Unfpa) e presentato oggi in tutto il mondo.

Il rapporto illustra in primo luogo le cause della crescita demografica: la speranza di vita è passata dai 48 anni dei primi anni Cinquanta ai 68 attuali mentre il tasso di mortalità infantile è sceso dai 133 decessi ogni 1000 persone di mezzo secolo fa ai 46 su mille registrati negli ultimi 5 anni. Trend che hanno permesso alla popolazione globale di passare dai 3 miliardi del 1954 ai 7 attuali.

Il rapporto esamina le situazione di 9 Paesi, da quello più meritevole in fatto di politiche demografiche e di welfare come la Finlandia, a contesti dove l'emergenza è ancora alta, come Nigeria ed Etiopia. E sarà proprio l'Africa sub-sahariana a fare da traino alla crescita demografica del futuro: nel 2100 la sua popolazione sarà infatti più che triplicata (passando da 1 a 3,6 mld) grazie ad un incremento annuo del 2,3%, tasso più che doppio rispetto a quello dell'Asia.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Cambia la tua password

Desideri veramente cancellare il tuo profilo?