Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

LISBONA - Il premier socialista portoghese José Socrates e il leader dell'opposizione di centrodestra Pedro Passos Coelho hanno raggiunto un accordo la notte scorsa su un piano di misure di austerità aggiuntive che nell'insieme dovrebbero fruttare 2,1 miliardi di euro.
Il piano prevede fra l'altro l'aumento dell'imposta sul reddito delle persone fisiche e di quella sul valore aggiunto nel 2010 e una imposta del 2,5% sui benefici delle imprese, riferisce il quotidiano Publico.
Il nuovo giro di vite punta ad accelerare la riduzione del deficit pubblico, dal 9,4% del 2009 al 7% per la fine di quest'anno e al 2,8% nel 2013.
In parallelo sono previsti anche ulteriori tagli alla spesa pubblica per 1,1 miliardi di euro quest'anno. Sarà introdotto inoltre un taglio del 5% agli stipendi di politici e dirigenti delle aziende pubbliche.

SDA-ATS