Navigation

Portogallo: nel 2011 PIL -1,4%, nel 2012 -0,3%

Questo contenuto è stato pubblicato il 29 marzo 2011 - 16:49
(Keystone-ATS)

Il Pil del Portogallo, secondo le stime della Banca centrale portoghese, vedrà una contrazione dell'1,4% nel 2011 e un incremento dello 0,3% nel 2012. L'economia del paese subirà cioè una contrazione maggiore del previsto nell'anno in corso, e nell'anno successivo andrà incontro a una crescita inferiore rispetto alle aspettative.

Lo scorso 11 gennaio infatti, la Banca centrale aveva annunciato una contrazione dell'1,3% per il 2011, e una crescita dello 0,6% per il 2012.

La proiezione, secondo la banca centrale, "riconosce - secondo il rapporto della Banca centrale portoghese - che continueranno ad esserci condizioni particolarmente restrittive per le banche nazionali e l'accesso al finanziamento sul mercato del debito pubblico". "L'economia portoghese - conclude il documento - non dovrebbe associarsi nei prossimi anni al ciclo di recupero dell'attività economica a livello europeo, nonostante questa ne trarrà benefici in termini di domanda esterna".

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.