Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

I partiti progressisti all'opposizione in Portogallo sono riusciti a far approvare in Parlamento, con 123 voti favorevoli a 107, la mozione di sfiducia presentata contro il governo di minoranza del primo ministro Pedro Passos Coelho, provocandone così la caduta.

L'esecutivo di centro-destra guidato dall'ormai ex premier è dunque rimasto in carica per appena undici giorni, la durata più breve nella storia della democrazia lusitana nata nel 1974.

Decisiva è stata l'inedita alleanza stretta con i comunisti, il Blocco di Sinistra e i Verdi da parte dei socialisti, i quali puntano adesso a ottenere il nuovo incarico esplorativo, nonostante la riluttanza del presidente Anibal Cavaco Silva, per dare vita a un gabinetto che ponga fine alla linea dell'austerità promossa da Passos Coelho, il cui Psd aveva vinto le elezioni legislative del 4 ottobre scorso, perdendo però la maggioranza assoluta.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS