Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

La Posta ha terminato il primo trimestre dell'anno con un utile consolidato di 199 milioni di franchi, a fronte dei 222 milioni di un anno prima. Il calo è dovuto principalmente ai minori proventi da operazioni su interessi e ad un aumento delle correzioni di valore, riferisce una nota odierna.

L'utile operativo Ebit (prima della deduzione di interessi e imposte) è stato di 253 milioni, contro i 272 milioni del primo trimestre 2013. Nel periodo in rassegna i ricavi operativi sono calati dell'1%, a 2138 milioni di franchi.

Tutti e quattro i comparti di attività - comunicazione, logistica, trasporto viaggiatori e servizi finanziari al grande pubblico - hanno contribuito al "buon" risultato, scrive la Posta.

Sul mercato delle comunicazioni l'azienda ha chiuso il trimestre con un risultato d'esercizio Ebit di 88 milioni di franchi, un milione in più di un anno prima. La flessione dei ricavi di PostMail e Rete postale e vendita è stata compensata dai risparmi sui costi di queste unità nonché da un aumento degli introiti di Swiss Post Solutions, precisa il comunicato. Il volume di lettere indirizzate è diminuito del 2,4%, mentre gli invii non indirizzati sono calati del 3,5%.

Nella logistica la Posta ha conseguito un risultato operativo di 31 milioni di franchi, in calo di due milioni, soprattutto a causa della forte pressione esercitata dalla concorrenza. Il volume di pacchi in Svizzera è salito dell'1,1%.

L'Ebit di AutoPostale è stato di 13 milioni di franchi, a fronte dei nove milioni del primo trimestre del 2013. L'incremento è stato influenzato, oltre che da entrate straordinarie dei servizi di trasporto, anche dall'ampliamento delle prestazioni. Il numero dei chilometri percorsi è cresciuto del 7,7%.

Nel mercato finanziario retail la Posta ha realizzato un Ebit di 127 milioni, in contrazione di undici milioni. Il calo registrato da PostFinance è da ricondurre al minore risultato da operazioni su interessi - dovuto alla persistente situazione dei bassi tassi sui mercati finanziari - e a rettifiche di valore più consistenti. L'afflusso di nuovi capitali è stato pari a 1,3 miliardi di franchi, e il patrimonio dei clienti è così salito a 115 miliardi di franchi. Nei primi tre mesi dell'anno, PostFinance ha attratto 11'000 nuovi clienti.

SDA-ATS