Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

BERNA - PostFinance continua a crescere: nel primo semestre dell'anno la filiale della Posta attiva nei servizi finanziari ha realizzato un utile di 274 milioni di franchi, con un incremento del 37% su base annua.
Non si arresta inoltre la progressione delle relazioni d'affari: nella prima parte dell'anno si sono presentati 53'000 nuovi clienti, che hanno aperto un totale di 87'000 conti, informa un comunicato odierno. Attualmente 2,7 milioni di persone affidano almeno parte del loro denaro a PostFinance, che amministra 4 milioni di conti.
I fondi in gestione sono cresciuti a 81,6 miliardi, 3 miliardi in più rispetto alla media del 2009. Il volume delle ipoteche è salito a 2,92 miliardi di franchi (fine 2009: 2,67 miliardi). Malgrado l'inasprimento della concorrenza nel settore creditizio, PostFinance continua a perseguire - in collaborazione con il partner Münchener Hypothekenbank - una politica conservatrice in materia di rischi, si legge nel comunicato. Finora PostFinance "non ha registrato alcun insuccesso in materia di prestiti ipotecari", viene precisato.
L'aumentato volume di affari è testimoniato anche dal bisogno di personale: da gennaio a giugno sono stati creati 158 nuovi posti di lavoro, ciò che porta l'organico complessivo a 3200 impieghi, con un raddoppio rispetto al 1998. Le assunzioni continueranno, promette la società: nei prossimi anni è infatti previsto l'ampliamento dei servizi.
Anche per l'immediato futuro PostFinance è fiduciosa. "Malgrado la situazione ancora incerta sui mercati finanziari internazionali, PostFinance dovrebbe nuovamente superare il risultato dell'anno precedente", afferma Jörg Bucher, direttore generale della Posta e direttore di PostFinance, citato nel comunicato. Nel 2009 l'impresa aveva conseguito un utile di 448 milioni di franchi.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS