Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

I prezzi delle transazioni con la PostFinance Card sono troppo alti.

KEYSTONE/URS JAUDAS

(sda-ats)

Su pressione di "mister prezzi" PostFinance si vede costretta ad abbassare le tariffe imposte alle aziende per i pagamenti effettuati con la PostFinance Card ai terminali elettronici EFT/POS.

Le diminuzioni concordate dalle due parti ridurranno globalmente le entrate di PostFinance SA di almeno 3,5 milioni di franchi nel 2017 e di almeno 4 milioni di franchi nel 2018, scrive l'ufficio del Sorvegliante dei prezzi in un comunicato odierno. L'autorità si era attivata nel secondo trimestre 2015: le indagini avevano permesso di stabilire che nel segmento di attività in questione la filiale della Posta gode di margini troppo elevati.

Le imprese con un volume annuale compreso tra 10'000 e un milione di transazioni approfitteranno della riduzione di un centesimo per ogni operazione: i prezzi saranno quindi compresi fra 19 e 22 centesimi. Quelle con volumi superiori hanno la possibilità di rivolgersi individualmente a PostFinance per ottenere una riduzione.

Restano per contro immutati i prezzi per le imprese con un volume inferiore a 10'000 transazioni (23 centesimi) e quelli per gli acquisti con importi inferiori a 5 e 10 franchi (rispettivamente 5 e 10 centesimi).

Il Sorvegliante dei prezzi eseguirà controlli per verificare che gli obiettivi di riduzione dei ricavi di PostFinance previsti per i prossimi due anni siano raggiunti. Se ciò non fosse il caso il gruppo sarà obbligato a compensare nell'anno successivo la differenza con misure supplementari.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


Sondaggio svizzeri all'estero

Sondaggio

Cari svizzeri all'estero, le vostre opinioni contano

Sondaggio

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.









SDA-ATS