Navigation

PPD: congedo paternità anziché corsi di ripetizione

Questo contenuto è stato pubblicato il 20 agosto 2011 - 13:35
(Keystone-ATS)

Un congedo paternità al posto dei corsi di ripetizione militari, un assegno famigliare per i giovani genitori, un conto di risparmio per giovani esentato dalle tasse, aiuti per chi assiste i famigliari: sono queste alcune delle proposte del PPD svizzero contenute in un documento intitolato "Rafforzare le famiglie!".

Presentata stamane dalla consigliera nazionale sangallese Lucrezia Meier-Schatz, la risoluzione è stata discussa e poi approvata all'unanimità dai circa 200 delegati riuniti in assemblea.

Il testo chiede tra l'altro che i corsi di ripetizione, da effettuare durante i primi dodici mesi di vita del figlio, siano sostituiti da un congedo paternità.

Il Partito popolare democratico auspica inoltre la creazione di un "pilastro giovani". Si tratta di dare la possibilità ai 16-35enni di costituire un conto risparmio speciale (al massimo 5'000 franchi) che sarebbe esonerato dalle imposte o sottoposto a una tassazione ridotta.

La risoluzione esige pure assegni per bambini in tenera età e modelli di lavoro flessibili per i genitori per dar loro la possibilità di occuparsi dei famigliari che ne hanno bisogno.

La formazione di Christophe Darbellay chiede inoltre migliori strutture extrascolastiche con la creazione di mense per i bambini i cui genitori entrambi lavorano.

La risoluzione approvata oggi vuole anche migliorare l'integrazione dei bambini di immigrati favorendo per esempio l'acquisizione precoce di una lingua nazionale.

Con il documento il PPD intende infine incoraggiare la pratica dello sport e l'autonomia dei, nonché incoraggiarli ad andare a scuola a piedi, grazie a un apposito "Pedibus": un bus scolastico pedestre costituito da un gruppo di scolari sotto la direzione di adulti.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Cambia la tua password

Desideri veramente cancellare il tuo profilo?