Navigation

Skiplink navigation

Predicatore Bienne, inchiesta per truffa all'assistenza sociale

Sospetta truffa all'assistenza sociale KEYSTONE/CHRISTIAN BEUTLER sda-ats
Questo contenuto è stato pubblicato il 04 dicembre 2019 - 10:13
(Keystone-ATS)

La magistratura bernese sta indagando sul controverso predicatore libico Abu Ramadan della moschea Ar'Rahman di Bienne per presunta truffa all'assistenza sociale.

Lo riportano oggi la SRF e i giornali del gruppo Tamedia. È stato il comune in cui risiede, Nidau, a sporgere denuncia nei confronti del 66enne alla fine del 2018.

Il Ministero pubblico del Giura bernese - Seeland ha aperto un procedimento penale all'inizio del 2019, indica la stampa, citando il portavoce della procura, Christof Scheurer. Le accuse sono di truffa, ottenimento illecito dell'aiuto sociale o di prestazioni dell'assistenza sottacendo fatti.

Stando ai media che hanno rivelato la vicenda, l'ex agronomo avrebbe percepito oltre 590'000 franchi di aiuti tra il 2003 e il 2017 nascondendo ai servizi sociali entrate in denaro che avrebbero potuto portare a una diminuzione delle prestazioni.

Contattato dalle testate, Abu Ramadan non ha voluto esprimersi sull'inchiesta. Avrebbe però confermato di essere in contatto con i funzionari che si occupano del caso per chiarire eventuali malintesi.

La giustizia bernese aveva già aperto un'inchiesta penale contro l'uomo per presunta discriminazione razziale. Egli è sospettato di aver predicato l'odio nei confronti di ebrei, cristiani, indù, russi e sciiti.

Abu Ramadan ha già perso il diritto di asilo e lo status di rifugiato ottenuto nel 1998 per essersi recato in Libia diverse volte. Vive in Svizzera grazie a un permesso C di domicilio. Se dovesse essere riconosciuto colpevole sarà espulso.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo