Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

I costi dei premi delle casse malattia a carico delle famiglie vanno ridotti e ciò può avvenire combinando una modifica del sistema della compensazione dei rischi all'aumento dello sconto minimo sui premi a favore di bambini e giovani adulti in formazione.

Questo in grandi linee il progetto elaborato dalla Commissione della sicurezza sociale e della sanità del Consiglio nazionale (CSSS-N), secondo quanto indicato oggi dai Servizi del parlamento in una nota. A farne le spese saranno gli adulti di più di 35 anni, che vedranno i loro premi aumentare.

La commissione ha adottato, con 15 voti contro 8, il progetto scaturito dall'elaborazione di due iniziative parlamentari in questo senso di Ruth Humbel (PPD/AG) e Stéphane Rossini (PS/VS). Concretamente esso prevede che le casse malattia vengano sgravate dai versamenti a titolo di compensazione dei rischi nella misura del 50% per i giovani adulti (19-25 anni) e del 20% per gli adulti fra i 26 e i 35 anni.

Si stima che grazie a questi provvedimenti si possa ottenere una riduzione dei costi della compensazione dei rischi a carico degli assicuratori di circa 92 franchi al mese per i giovani adulti e circa 29 franchi al mese per gli adulti fra i 26 e i 35 anni. Ciò consentirebbe alle casse malattia di ridurre di conseguenza i premi per i giovani.

Per contro gli assicuratori dovrebbero versare circa 19 franchi in più per gli adulti a partire dai 36 anni e aumentare di conseguenza i loro premi.

La maggioranza della CSSS-N propone inoltre, nell'ambito dello stesso progetto, di introdurre una compensazione dei rischi separata per i bambini. Il progetto sarà posto prossimamente in consultazione, indicano i Servizi del parlamento, senza fornire precisazioni riguardo allo sconto minimo sui premi a favore di bambini e giovani adulti in formazione.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS