Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Il consigliere federale e ministro della sanità Alain Berset, illustrando oggi in conferenza stampa i premi dell'assicurazione malattia per il 2016 ha detto di non sentirsi soddisfatto e ha invitato alla pazienza.

I premi aumenteranno in media del 4%. "Non si può essere soddisfatti", ha esclamato, indicando i settori in cui la Confederazione può intervenire.

Né i costi della salute né i premi malattia diminuiranno nei prossimi anni, ha affermato; spetta ai vari attori coinvolti in questa materia sedersi attorno a un tavolo e ragionare, trovare "soluzioni durevoli e sostenibili" per frenare gli aumenti.

"C'è bisogno di agire sul piano politico e dove sarà possibile noi lo faremo", ha assicurato il ministro della salute, citando l'esempio dei medicinali brevettati. La Confederazione ha fatto abbassare il prezzo di 1500 prodotti, con risparmi che vengono stimati a 600 milioni di franchi.

"Ciò ha avuto un effetto frenante positivo sui premi, a suo parere, ma l'operazione ha richiesto tre anni dal momento della decisione del Consiglio federale, nel 2012. "Bisogna quindi mostrarsi pazienti", poiché i principali "colpevoli" dell'aumento dei costi sanitari non spariranno. Si tratta di: invecchiamento della popolazione, progressi della medicina, trattamenti più costosi, effetti demografici della generazione del baby-boom che giunge alla pensione. "I premi sono semplicemente il riflesso delle spese sanitarie", ha detto Berset.

La Confederazione può agire in particolare nella lotta contro le malattie non trasmissibili (cancro, diabete, disturbi cardiovascolari, demenza), che rappresentano l'80% dei costi diretti della salute. "Occorre prevenire i comportamenti a rischio e una strategia in questo campo è in consultazione", ha affermato Berset, facendo l'esempio della lotta al tabagismo per ridurre il numero dei fumatori.

Altro settore citato dal consigliere federale: quello ambulatoriale, i cui costi sono letteralmente esplosi e secondo calcoli dell'UFSP rappresentano ormai il 40% della quota della spesa sanitaria per il 2016. "E' il 40% dei premi", ha insistito. Negli ambulatori i premi coprono il 100% dei costi.

Interrogato sui forti aumenti annunciati nei cantoni di Neuchâtel (+8,2%) e Giura (+7,4%), il direttore dell'UFSP Pascal Strupler ha puntato il dito in particolare sul ruolo svolto da Assura. Questa cassa malattia conta il maggior numero di assicurati nel canton Neuchâtel, con quasi la metà del mercato e circa un terzo nel Giura.

Il rialzo dei premi da parte di questo assicuratore ha avuto un impatto sulle medie cantonali. Strupler ha anche confermato che tra Assura e Confederazione ci sono state "lunghe discussioni" per ridurre gli aumenti annunciati.

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

SDA-ATS