Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

ROMA - Finale al cardiopalma per la 64/ma edizione del Premio Strega, vinta da Antonio Pennacchi con il suo 'Canale Mussolini' (Mondadori) che ha avuto 133 voti, quattro in piu' di Silvia Avallone, autrice di 'Acciaio' (Rizzoli) che ne ha ottenuti 129.
Durante tutto lo spoglio l'esordiente Avallone e Pennacchi sono stati a pari merito o si sono superati in un continuo testa a testa di un voto. Con la vittoria di Pennacchi, 60 anni di Latina, per il quarto anno consecutivo il gruppo Mondadori si aggiudica lo Strega, dopo quello a Niccolo' Ammaniti nel 2007, Paolo Giordano nel 2008 e Tiziano Scarpa nel 2009.
Si confermano cosi' le previsioni della vigilia in cui si facevano sempre piu' insistenti le voci che continuavano a dire che invece di 'Strega' il piu' importante premio letterario italiano si potrebbe chiamare 'Mondadori'. Un a vittoria insomma destinata a far crescere le polemiche e che fino all'ultimo voto il grande gruppo di sostenitori della Avallone ha sperato potesse andare alla Rizzoli.
Paolo Sorrentino, come volevano i pronostici, con 'Hanno tutti regione' (Feltrinelli) si e' fermato a 59 voti, Matteo Nucci con 'Sono comuni le cose degli amici' (Ponte alle Grazie) a 39 e Lorenzo Pavolini con 'Accanto alla tigre' (Fandango) a 32. C'e' anche chi ha sperato che i 30 voti introdotti quest'anno dei Lettori forti scelti dalle librerie italiane di tutta Italia potessero cambiare i pronostici.
Al di la' delle polemiche, Pennacchi si e' goduto la sua vittoria salendo sul palco della giuria, presieduta da Tiziano Scarpa, vincitore della precedente edizione dello Strega, e ha dedicato il premio a suo ''fratello Gianni'', giornalista morto recentemente a cui e' dedicato il libro e alla sua ''nipotina che sta per arrivare''. Pennacchi ha poi parlato avvicinandosi alla bottiglia dello Strega dei testi degli altri finalisti in cinquina definendoli ''quattro bei libri. E in bocca al lupo ai piu' giovani''.
L'esordiente Silvia Avallone, 25 anni, che con 'Acciaio' ha gia' venduto 100.000 copie, ha seguito serena tutta la serata mano nella mano con il suo fidanzato, con cui si sta per sposare.
La serata, calda e affollatissima, ha raggiunto il massimo della tensione nel momento dello spoglio degli ultimi 30 voti arrivati per fax e telegrammi accompagnati da boati e applausi che hanno visto superarsi quasi fino all'ultimo Pennacchi e Avallone. I votanti sono stati 396 sui circa 400 Amici della Domenica che compongono la giuria del premio ai quali vanno aggiunti i 30 Lettori forti.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS