Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

MOSCA - La segretaria di stato americana Hillary Clinton ha detto ieri sera che sta cominciando a produrre i primi frutti la dura presa di posizione degli Usa seguita all'annuncio israeliano della prossima costruzione di nuovi alloggi a Gerusalemme est.
In un'intervista alla BBC, la responsabile del Dipartimento di stato ha detto che gli Usa sono certi che "presto" le trattative saranno riavviate e che, in un clima di maggiore fiducia reciproca, si potrebbe arrivare anche a negoziati diretti israelo-palestinesi.
Hillary Clinton, che ieri ha partecipato a Mosca alla riunione del Quartetto per il Medio Oriente, ha confermato di avere avuto un'"utile e produttiva" conversazione telefonica, giovedì sera, con il premier israeliano Benjamin Netanyahu, che ha promesso una serie di misure concrete per facilitare la ripresa del dialogo.
Nell'intervista la signora Clinton ha negato che l'amministrazione Obama voglia forzare la mano sulla ripresa del processo di pace, anche a rischio di provocare la caduta del governo Netanyahu. "Il premier crede nella necessità del negoziato e cercherà di convincere anche tutti gli altri esponenti del governo, al di là di questo noi non possiamo prendere posizione e non ci interessano le eventuali scelte che gli israeliani faranno su chi deve governarli o meno", ha detto la Clinotn.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.









SDA-ATS