Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

L'indice dei prezzi alla produzione e all'importazione è salito a dicembre dello 0,2% rispetto a novembre, mentre nel raffronto annuo il rincaro è stato dello 0,0%.

L'Ufficio federale di statistica (UST) indica oggi in un comunicato che da un mese all'altro è stato rilevato un aumento dei prezzi nell'indice dei prezzi alla produzione soprattutto per i rottami di ferro, mentre sull'aumento dei prezzi all'importazione hanno inciso in particolare il petrolio greggio e il gas naturale. Più cari anche i metalli non ferrosi, il ferro grezzo e l'acciaio, i carburanti e l'olio da riscaldamento. In calo, invece, i prezzi dei computer.

L'UST sottolinea inoltre che il rincaro annuo medio, ossia la media aritmetica dei 12 indici mensili, è stato pari a -1,8%, trascinato verso il basso dalla riduzione dei prezzi dei prodotti petroliferi e farmaceutici. I prezzi dei prodotti svizzeri sono diminuiti in media dell'1,3%, mentre quelli dei prodotti importati sono scesi del 3,0%. Nel 2015 il rincaro annuo medio era stato di -5,4% e nel 2014 di -1,1%.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS