Navigation

Prima immagine di buco nero è la foto scientifica dell'anno

Questo contenuto è stato pubblicato il 23 dicembre 2019 - 18:05
(Keystone-ATS)

Il 2019 sarà ricordato senz'altro come l'anno della prima immagine mai ottenuta di un buco nero.

Ma tra le fotografie scientifiche più belle di questi 12 mesi, la rivista Nature ha scelto anche quella dell'assottigliamento dei ghiacci ripreso da un drone, una foca che riposa tranquilla e alcune delle più minuscole creature viventi.

Tra gli scatti realizzati nel mondo dell'infinitamente piccolo, Nature segnala l'immagine di un cerchio cellulare multicolore (realizzata dai ricercatori del Massachussets Institute of technology e del Dana-Farber Cancer Institute), dove ogni puntino rappresenta una delle circa 100'000 cellule del macaco reso, e ogni colore i diversi tessuti. Poi c'è la foto dei microorganismi a forma di tromba, vincitrice del secondo premio della Nikon Small World Photomicrography Competition, ottenuta da Igor Siwanowicz, del Janelia Research Campus di Ashburn, con un ingrandimento di 40 volte di alcuni protozoi unicellulari d'acqua dolce.

Florian Ledouxha invece usato un drone per immortalare i ghiacci marini della Groenlandia, tanto assottigliati da apparire quasi frantumati, per via delle ondate di calore primaverili e del caldo estivo. Altro record segnato nel 2019 è stata la prima passeggiata spaziale della storia tutta al femminile, che ha visto protagoniste lo scorso 18 ottobre le astronaute della Nasa Christina Koch e Jessica Meir. Un momento reso possibile dall'arrivo di quest'ultima sulla Stazione spaziale internazionale a bordo della Soyuz, come mostra la foto scattata dalla collega Koch.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.