Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

BERNA - La presidente del Consiglio nazionale Pascale Bruderer ha posto la comprensione fra le generazioni al centro della sua allocuzione per il primo d'agosto. Se oggi vediamo più lontano, è perché possiamo contare sull'esperienza di chi ci ha proceduto: si tratta di valorizzare e sfruttare al meglio questo patrimonio, ha detto la deputata argoviese.
Ogni imprenditore sa quanto sia importante assicurare la continuità delle conoscenze e anche in politica si dovrebbe a volte ricordarsene, ha affermato Bruderer a Roschach (SG), in base al testo scritto. A suo avviso alcune conquiste, come la democrazia diretta o la concordanza, non vanno considerate come scontate: non sono cadute dal cielo, sono invece il risultato di un processo durato decenni e rivelatosi a volte difficile. Se poi si aggiunge il federalismo si ottiene un insieme unico, che va però difeso puntando sul rispetto dell'altro, sull'apertura e sulla solidarietà: cosa che è stata fatta dalle generazioni passate, ha continuato la politica socialista.
Bruderer ha inoltre detto di apprezzare in modo particolare la tradizione svizzera delle piccole feste decentrate. "Da noi il giorno della festa nazionale non vi sono celebrazioni pompose, parate di truppe e cortei", ha fatto notare la presidente del Nazionale, che domani presenzierà anche a festeggiamenti a Baden (AG) e a Engelberg OW.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS