Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

GRIMENTZ VS - Le relazioni della Svizzera con l'estero e in particolare con l'UE sono stati al centro del discorso tenuto stasera Grimentz (VS) dalla consigliera federale Evelyne Widmer-Schlumpf. La ministra di giustizia ha invitato la popolazione elvetica a interrogarsi sul futuro del paese.
Nel suo intervento Widmer-Schlumpf ha avanzato diverse domande senza però voler fornire le relative risposte. L'obiettivo - ha spiegato ai giornalisti - è stimolare il dibattito e la riflessione.
Il governo - ha ricordato - sta tracciando un bilancio delle attuali relazioni con l'Unione europea: in seguito si tratterà di pensare alle possibili opzioni. L'esponente del Partito borghese democratico ha posto sul tappeto tre scenari, senza esprimere preferenze per alcuno: proseguire sulla via degli accordi bilaterali, nonostante questa soluzione abbia dei limiti; riflettere a una nuova forma di Spazio economico europeo; aderire all'UE.
Widmer-Schlumpf ha detto di aver conosciuto il villaggio di Grimentz grazie a un'escursione con Pascal Couchepin, quando il vallesano era presidente della confederazione. È stato un colpo di fulmine, tanto che la ministra ha deciso di accogliere l'invito delle autorità locali. Domani Widmer-Schlumpf parlerà invece a Eiken, nel canton Argovia, ma il tema sarà diverso: si esprimerà sulla situazione degli stranieri in Svizzera.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


Sondaggio svizzeri all'estero

Sondaggio

Cari svizzeri all'estero, le vostre opinioni contano

Sondaggio

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.









SDA-ATS