Navigation

Processo Eternit: difesa Schmidheiny, procedere dopo 30 anni lede principio difesa

Questo contenuto è stato pubblicato il 11 ottobre 2011 - 17:47
(Keystone-ATS)

È iniziata questa mattina l'arringa della difesa di Stephan Schmidheiny, il miliardario svizzero imputato insieme al barone belga Louis De Cartier, nel processo contro la multinazionale dell'amianto che si svolge a Torino.

Nella sua arringa, che si preannuncia molto lunga (terminerà nella seduta del 24 ottobre) la difesa ha anticipato che chiederà l'assoluzione.

In aula l'avvocato Astolfo Di Amato non è entrato nel merito delle accuse ma ha sostenuto che un processo a oltre trent'anni di distanza dai fatti contestati lede il principio di difesa perchè rende quasi impossibile per chi è accusato difendersi al meglio: i documenti non si trovano, molti testimoni non ci sono più e quelli che ci sono non sono attendibili perchè i fatti sono troppo lontani da ricordare.

L'arringa dei difensori di Schmidheiny proseguirà nelle prossime udienze. Nel processo contro la Eternit il pool di magistrati ha chiesto una condanna a 20 anni ciascuno per Schmidheiny e de Cartier per disastro ambientale e omissione volontaria di cautele nei luoghi di lavoro.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Cambia la tua password

Desideri veramente cancellare il tuo profilo?