Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

L'Ungheria ha dichiarato lo "stato d'emergenza" sui migranti e il parlamento, con i voti della maggioranza governativa e degli estremisti di Jobbik, ha approvato un pacchetto di leggi molto restrittive.

Slitta invece l'invio di militari sul confine: è mancata la maggioranza di due terzi nell'ambito delle procedure di voto d'urgenza.

Fra i provvedimenti restrittivi, inquadrati nello "stato d'emergenza" per l'immigrazione irregolare, ci sono l'istituzione di zone di transito sul confine per bloccare gli arrivi, l'accelerazione della procedura di riconoscimento del diritto d'asilo e l'inasprimento dei criteri per rilasciarlo.

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

SDA-ATS