Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Il direttore di Frontex Fabrice Leggeri, ha chiesto agli Stati europei di mantenere gli impegni di rafforzare l'operazione Triton.

KEYSTONE/EPA/VASSIL DONEV

(sda-ats)

Il direttore di Frontex Fabrice Leggeri, ha chiesto agli Stati europei di mantenere gli impegni di rafforzare l'operazione Triton. Così l'Agenzia al termine dell'incontro chiesto a Varsavia dall'Italia sull'operazione marittima nel Mediterraneo.

L'Agenzia europea della guardia costiera e di frontiera (Frontex) apre più in generale alla revisione delle operazioni Triton. "È stato concordato che sarà stabilito senza ritardi un gruppo di lavoro per identificare ulteriormente ed elaborare cosa deve essere rivisto nel concetto operativo di Triton in vista delle decisioni già raggiunte a livello politico". Verrà quindi redatto un "nuovo piano operativo" che sarà successivamente sottoposto ai Paesi dell'Ue.

Intanto, nello scontro con Bruxelles sulle quote dei profughi, Praga darà la colpa all'Italia, che non si sarebbe resa sostanzialmente disponibile di fronte all'offerta della Repubblica ceca. Lo scrive l'agenzia locale Ctk, citando fonti governative locali.

I cechi rimproverano all'Italia di non aver permesso i colloqui di sicurezza con dieci possibili candidati per l'accoglienza, e di non aver risposto ai successivi tentativi di contatto da parte ceca. Secondo l'agenzia, la scorsa primavera Praga aveva offerto di accogliere 50 migranti dall'Italia.

Dal canto suo, il Bel Paese chiede che in caso di massiccio afflusso di profughi, sia possibile sbarcarli nei porti di altri Stati membri.

SDA-ATS