Navigation

PS: Meyer e Wermuth puntano a co-presidenza

I due consiglieri nazionali Cedric Wermuth e Mattea Meyer si sono candidati per ottenere la co-presidenza del Partito socialista (foto d'archivio) KEYSTONE/PK sda-ats
Questo contenuto è stato pubblicato il 18 dicembre 2019 - 17:26
(Keystone-ATS)

I due consiglieri nazionali Mattea Meyer e Cédric Wermuth si candidano per ottenere la co-presidenza del Partito socialista. La 32enne zurighese e il 33enne argoviese vorrebbero così succedere a Christian Levrat. Il voto è in programma a inizio aprile a Basilea.

La loro candidatura congiunta è stata annunciata in un comunicato odierno, confermando quanto anticipato in un'intervista apparsa sulla testata di sinistra "Wochenzeitung" (WoZ).

Il tempo dei combattenti solitari e dei grandi eroi è ormai passato, ha indicato Meyer sostenendo la candidatura bicefala. I due consiglieri nazionali vorrebbero che le responsabilità venissero in futuro ridistribuite fra più persone.

In merito ai rapporti con gli ecologisti, Wermuth rimane cauto: "Non dedicheremo di certo tempo a distanziarci dai Verdi. Politicamente siamo vicini e l'altra parte è troppo forte. Ciò che serve è una connessione".

Levrat, dopo 12 anni alla testa del partito, ha annunciato lo scorso novembre di non volersi ripresentare per un nuovo mandato.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.