Navigation

Punire come stupri relazioni sessuali non consenzienti, petizione

Consegnata petizione alla consigliera federale Karin Keller-Sutter KEYSTONE/ANTHONY ANEX sda-ats
Questo contenuto è stato pubblicato il 28 novembre 2019 - 14:55
(Keystone-ATS)

I rapporti sessuali non consensuali devono essere puniti come stupri. È quanto chiede una petizione firmata da 35'000 persone trasmessa oggi alla consigliera federale Karin Keller-Sutter, responsabile del Dipartimento federale di giustizia e polizia (DFGP).

La petizione, intitolata "Giustizia per le persone che hanno subito violenze sessuali", è stata lanciata dal Amnesty International in collaborazione con una trentina di ong. Chiede di prendere misure e investire le risorse necessarie affinché chi ha subito violenze sessuali sia protetta o protetto e ottenga giustizia.

Il testo invita Keller-Sutter e il Parlamento a "proporre revisioni del Codice penale affinché qualsiasi atto sessuale non consensuale possa essere adeguatamente punito e la legislazione svizzera sia conforme alle norme internazionali in materia di diritti umani, come la Convenzione di Istanbul".

La petizione chiede inoltre una formazione continua e obbligatoria per giudici, polizia e avvocati nell'assistenza alle vittime di violenze sessuali. Raccomanda infine una raccolta sistematica di dati e studi sul trattamento dei reati contro l'integrità sessuale nel sistema giudiziario svizzero.

Le violenze sessuali sono molto più diffuse di quanto si creda. Secondo un recente studio di gfs.bern, commissionato da Amnesty Svizzera, il 22% delle donne in Svizzera ha già subito atti sessuali non consensuali e il 12% ha avuto rapporti sessuali contro la propria volontà. Quasi la metà delle vittime preferisce non parlare di questi episodi. Solo l'8% ha sporto denuncia alla polizia.

Allarmanti anche i dati sulle molestie: quasi il 60% delle 4500 donne interpellate dall'istituto si è detta vittima di contatti, abbracci o baci indesiderati.

Lo scorso agosto il Consiglio federale, rispondendo a una domanda della consigliera nazionale Isabelle Moret (PLR/VD), ha affermato che non è opportuno proporre una nuova riforma in questo ambito. Una revisione del sistema di sanzioni è attualmente all'esame del Parlamento.

Il principio del consenso reciproco è già una realtà in otto paesi europei. La riforma è all'esame in altre nazioni. La Convenzione di Istanbul, entrata in vigore in Svizzera lo scorso anno, prevede chiaramente che l'assenza di consenso sia al centro di qualsiasi definizione giuridica di stupro e altre forme di violenza sessuale.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.