Navigation

Putin, Lenin resti nel mausoleo in Piazza Rossa

Il mausoleo di Lenin con la Piazza Rossa sullo sfondo. KEYSTONE/ALESSANDRO DELLA BELLA sda-ats
Questo contenuto è stato pubblicato il 19 dicembre 2019 - 14:57
(Keystone-ATS)

Il corpo imbalsamato di Vladimir Lenin deve rimanere nel mausoleo in Piazza Rossa, "almeno finché avremo così tante persone che collegano le loro vite a questo, alle conquiste del passato, degli anni sovietici".

Lo ha detto il presidente russo Vladimir Putin nel corso della sua conferenza stampa di fine anno.

Il capo del Cremlino, che in passato ha definito il crollo dell'Urss la peggior catastrofe geopolitica del XX secolo, ha però criticato il leader bolscevico per aver costruito l'Urss come una confederazione di repubbliche su base etnica, che non sempre corrispondevano alla dislocazione geografica delle comunità generando numerosi "punti di pressione".

Inoltre, secondo Putin, lo Stato sovietico era troppo legato al partito comunista e così "non appena il partito cominciò a spezzarsi, a sgretolarsi, anche il Paese iniziò a sgretolarsi".

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.