Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

I prodotti agroalimentari provenienti dall'Occidente e arrivati in Russia violando l'embargo imposto l'anno scorso da Mosca saranno regolarmente distrutti a partire dal 6 agosto. Lo ha ordinato il presidente russo Vladimir Putin con un decreto firmato oggi.

Nell'agosto del 2014 la Russia ha bloccato le importazioni di frutta, verdura, prodotti caseari, carne e pesce da Usa, Paesi membri dell'Ue e altri Stati che le avevano imposto delle sanzioni nell'ambito della crisi ucraina.

L'import di questi prodotti aveva un valore di 9 miliardi di dollari l'anno. Alcuni beni sanzionati arrivano illegalmente in Russia, soprattutto attraverso Bielorussia e Kazakistan, che fanno parte dell'Unione economica euroasiatica guidata da Mosca.

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

SDA-ATS