Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

I prodotti agroalimentari provenienti dall'Occidente e arrivati in Russia violando l'embargo imposto l'anno scorso da Mosca saranno regolarmente distrutti a partire dal 6 agosto. Lo ha ordinato il presidente russo Vladimir Putin con un decreto firmato oggi.

Nell'agosto del 2014 la Russia ha bloccato le importazioni di frutta, verdura, prodotti caseari, carne e pesce da Usa, Paesi membri dell'Ue e altri Stati che le avevano imposto delle sanzioni nell'ambito della crisi ucraina.

L'import di questi prodotti aveva un valore di 9 miliardi di dollari l'anno. Alcuni beni sanzionati arrivano illegalmente in Russia, soprattutto attraverso Bielorussia e Kazakistan, che fanno parte dell'Unione economica euroasiatica guidata da Mosca.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


Sondaggio svizzeri all'estero

Sondaggio

Cari svizzeri all'estero, le vostre opinioni contano

Sondaggio

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.









SDA-ATS