Navigation

Putin inaugura ferrovia Russia-Crimea, l'Ue condanna

Il presidente russo Vladimir Putin ha inaugurato il collegamento ferroviario tra la Russia e la Crimea KEYSTONE/EPA/of ukit sda-ats
Questo contenuto è stato pubblicato il 23 dicembre 2019 - 16:44
(Keystone-ATS)

Vladimir Putin ha inaugurato oggi la linea ferroviaria che collega la Russia alla Crimea, penisola annessa da Mosca nel 2014.

L'apertura del traffico ferroviario sul ponte dello stretto di Kerch, che unisce il territorio russo alla Crimea "senza il consenso dell'Ucraina, costituisce un'altra violazione della sovranità e dell'integrità territoriale dell'Ucraina da parte della Russia", afferma in una nota il portavoce dell'Alto rappresentante Ue, Josep Borrell. "L'Ue non riconosce e non riconoscerà l'annessione illegale della penisola della Crimea da parte della Russia".

"Il collegamento ferroviario costituisce un ulteriore passo avanti nell'integrazione forzata alla Russia della penisola annessa illegalmente, e nell'isolamento della Crimea dall'Ucraina, di cui rimane parte", afferma il portavoce dell'Alto rappresentante. "Inoltre, il ponte limita il passaggio di navi attraverso lo stretto di Kerch verso i porti ucraini nel mare di Azov - continua -. L'Unione europea si aspetta che la Russia assicuri il libero passaggio senza ostacoli attraverso lo stretto, in linea con la legge internazionale".

"L'Ue - conclude il portavoce - reitera il suo pieno supporto all'indipendenza, sovranità e integrità territoriale dell'Ucraina all'interno dei confini riconosciuti a livello internazionale".

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.