Navigation

Quale è il piano di uscita dalla crisi? chiede Petra Gössi

La presidente del PLR Petra Goessi cristica il Consiglio federale KEYSTONE/PETER KLAUNZER sda-ats
Questo contenuto è stato pubblicato il 23 aprile 2020 - 08:29
(Keystone-ATS)

Il Consiglio federale non dispone di una "vera strategia" per superare la crisi del coronavirus, secondo la presidente del PLR Petra Gössi. A suo avviso il piano di uscita doveva essere già noto quando sono state introdotte le misure di contenimento della pandemia.

Gössi, in un'intervista pubblicata dai giornali del gruppo Tamedia, sostiene che "Il Consiglio federale si è perso nei dettagli e mi chiedo: qual è esattamente il piano". Il governo ha perso autorità nel comunicare durante le settimane di crisi, aggiunge. L'annuncio del primo allentamento delle restrizioni non è stato sufficientemente preciso, ha detto. Interi settori dell'economia sono stati omessi e l'annuncio ha sollevato più domande che risposte. "Da allora la situazione non è migliorata di molto".

Strategia sui test criticata

Gössi attacca anche la strategia dell'esecutivo federale per quanto riguarda i tamponi. "Molti laboratori hanno utilizzato solo una parte delle loro capacità perché i criteri federali erano troppo severi. E ora i criteri sono stati allentati. Avrebbe dovuto essere fatto molto più rapidamente". Il Consiglio federale avrebbe ora "più dati a disposizione per decidere", secondo la consigliera nazionale lucernese.

La presidente del PLR auspicava la riapertura di tutti i negozi il lunedì, come richiesto da alcuni cantoni, "a condizione che siano rispettate le misure di protezione per i dipendenti e i clienti". "Dobbiamo fare in modo che la popolazione mantenga la fiducia nella capacità della nostra società di funzionare", ha spiegato.

Per affrontare la crisi economica, avrebbe preferito concentrarsi su un abbassamento delle tasse e l'eliminazione dei regolamenti piuttosto che su un piano di ripresa economica. "Quando l'economia si riprenderà, le imprese dovrebbero poter lavorare liberamente", ha martellato, sottolineando che i pacchetti di stimolo avranno effetto solo quando l'economia tornerà a funzionare.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.