Navigazione

Saltare la navigazione

Funzionalità principali

Quasi 40% nascite da madre straniera nel 2013

Lo scorso anno il 38,7% dei bambini nati in Svizzera erano figli di una donna straniera. La quota è raddoppiata in 20 anni, indica una pubblicazione odierna dell'Ufficio federale di statistica (UST): nel 1990 era del 19,6%.

Le donne estere in età fertile erano proporzionalmente più numerose delle svizzere e in media presentavano un tasso di fecondità (espressa in numero di nascite ogni 1000 donne residenti permanentemente in Svizzera) più elevato, constata l'UST. Nella fascia d'età tra 15 e 24 anni il tasso di fecondità delle straniere era quattro volte più elevato di quelle delle loro coetanee svizzere. Il tasso era cinque volte superiore tra le donne nate all'estero rispetto a quelle nate in Svizzera.

I tre quarti delle madri straniere nel 2013 erano europee. Queste per oltre un quarto (26,7%) erano cittadine di Kosovo, Macedonia, Serbia, Bosnia e Erzegovina, Croazia, Montenegro e Slovenia. Gli altri Paesi più rappresentati erano Germania (18,9%), Portogallo (13,0%), Italia (8,7%), Francia (6,8%), Turchia (4,7%) e Spagna (3,3%). Il 17,9% restante riguardava donne di altri Paesi del Vecchio continente.

Il numero di straniere residenti in modo permanente nella Confederazione (oltre 900'000) nel 2013 rappresentava il 22,1% della popolazione femminile (gli stranieri, maschi e femmine, rappresentano il 23,8% della popolazione), contro il 14,4% nel 1990. La loro progressione è dunque risultata nettamente inferiore a quella delle nascite da madre straniera.

Parole chiave

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.