Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

BERNA - Kosovari, portoghesi, turchi, somali/eritrei sono migranti che vivono in Svizzera: le rispettive comunità sono finite sotto la lente dell'Ufficio federale della migrazione (UFM). Obiettivo: agevolare la comprensione nei loro confronti.
I quattro studi pubblicati oggi si aggiungono a quello sulla diaspora cingalese, pubblicato nel novembre del 2007. Il processo d'integrazione degli immigrati kosovari (in Svizzera ve ne sono da 150 a 170 mila) sembra seguire quello degli Italiani e degli Spagnoli che li hanno preceduti, si legge nel rapporto dedicato a questa comunità.
I giovani sono i più sfavoriti in materia di formazione. Sarebbe dunque opportuno aiutare i loro genitori a sostenere il loro cammino scolastico e a migliorare la fiducia nei confronti di docenti e autorità competenti. Le organizzazioni kosovare che si prefiggono di favorire l'integrazione possono svolgere un ruolo determinante in questo settore. Esposta a rischi sanitari non trascurabili (sovrappeso, fumo eccessivo e cattiva igiene dentale), questa comunità è inoltre particolarmente interessata da provvedimenti di promozione della salute.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.









SDA-ATS