Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

WASHINGTON - Le ragazze americane stanno entrando nella pubertà molto più giovani di quanto sia accaduto finora e la colpa potrebbe essere della diffusione dell'obesità. È quanto sostiene uno studio del Journal of Pediatrics.
Di recente ci sono stati casi di bimbe particolarmente precoci, che a 7 o 8 anni avevano già il seno sviluppato. Alcuni studiosi ritengono che alla base di questo fenomeno vi sia un frequente sovrappeso: un corpo più grasso sarebbe infatti in grado di produrre prima gli ormoni sessuali responsabili dei cambiamenti fisici che caratterizzano la pubertà.
Le cifre dello studio parlano chiaro. Il campione esaminato è di 1200 bambine di 7 e 8 anni, a New York e a San Francisco.
All'età di 8 anni, il 18% di bimbe bianche e il 43% di quelle afro-americane sono entrate nella fase puberale. Nel 1997, le bianche erano l'11%, mentre le nere erano sempre il 43%.
A preoccupare i medici è il fatto che donne che hanno avuto il ciclo mestruale per più anni sviluppano un rischio maggiore di cancro al seno o all'utero. Inoltre, lo studio fa notare che per una ragazzina di 11 anni avere un corpo di una sedicenne, vuol dire dover interagire con adulti che la credono molto più grande della sua età, o con ragazzi più grandi che la ritengono una loro coetanea. Ma è noto che lo sviluppo fisico non corrisponde allo stessa maturità psicologica. E questa distanza può creare non pochi problemi.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS