Navigation

Raiffeisen-Wegelin: clienti problematici dovranno cambiare banca

Questo contenuto è stato pubblicato il 04 febbraio 2012 - 11:51
(Keystone-ATS)

Dopo l'acquisizione della maggior parte delle attività della banca Wegelin, il gruppo Raiffeisen vuole rivedere i rapporti con i suoi clienti: i "casi problematici" - come gli evasori fiscali - dovranno cercarsi una nuova banca, ha affermato presidente della direzione della Raiffeisen Pierin Vincenz.

Il 27 gennaio Raiffeisen aveva comunicato di aver rilevato la Notenstein Banca Privata SA, che riunisce tutte le attività della banca privata Wegelin & Co ad eccezione di quelle statunitensi. Oggi, in un'intervista alla "Neue Zürcher Zeitung", Vincenz ha affermato che circa il 30% dei clienti di Notenstein sono europei (Svizzera esclusa).

"Esamineremo in modo intenso tutte le relazioni. Ci separeremo dai clienti che sono in conflitto con la legge svizzera o estera. Questi dovranno trovarsi una nuova banca", ha detto Vincenz in un'altra intervista pubblicata dalla "Südostschweiz" e dalla "Neuen Luzerner Zeitung".

Se ci fossero anche clienti con attività legate agli Stati Uniti, i loro conti saranno trasferiti alla banca Wegelin. Questo è stato stabilito contrattualmente, ha aggiunto.

Il restante 70% dei clienti di Notenstein sono residenti in Svizzera. Anche i loro conti verranno verificati. Non c'è tuttavia nessun obbligo legale per i cittadini elvetici di sottoporre alla banca la dichiarazione dei redditi.

Vincenz ha anche affermato di non tenere che il Dipartimento di giustizia americano possa attaccare la bacna Notenstein e, di conseguenza, anche la Raiffeisen. I rischi sono stati analizzati con avvocati e con l'Autorità elvetica di vigilanza dei mercati finanziari (FINMA).

"Ci è stato assicurato in maniera credibile che non c'è alcun rischio", ha detto Vincenz. Per questo motivo non esiste un "piano B" in caso di attacco da parte del Dipartimento di giustizia statunitense.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Cambia la tua password

Desideri veramente cancellare il tuo profilo?