Navigation

Rathgeb (PLD) in Governo a Coira

Questo contenuto è stato pubblicato il 29 gennaio 2012 - 15:06
(Keystone-ATS)

Il granconsigliere del Partito liberale democratico (PLD) Christian Rathgeb è stato eletto oggi nel Governo grigionese come previsto: non c'erano altri candidati. Accolta senza problemi anche l'iniziativa del PLD contro la "burocrazia inutile": i "sì" sono stati il 91,37%. Bassissimo il tasso di partecipazione: 13,91% per l'elezione governativa, 16,77% per l'iniziativa.

Il 41enne Rathgeb, che succede al neo "senatore" Martin Schmid (PLD), ha ottenuto 12'124 voti, con una maggioranza assoluta fissata a 6592 suffragi. Ci sono stati anche 1058 voti sparsi. Numerose le schede bianche: oltre un quarto del totale, ossia 4821 su 18'845.

Nonostante l'assenza di concorrenti - gli altri partiti hanno riconosciuto la legittimità del seggio PLD nell'esecutivo di cinque membri - per l'elezione del successore di Schmid, ministro cantonale delle finanze eletto lo scorso ottobre al Consiglio degli Stati, è stato necessario il ricorso alle urne perché la Costituzione retica non prevede l'elezione tacita.

Christian Rathgeb, giurista e deputato al Gran Consiglio dal 2006, ha presieduto il PLD dal 2003 al 2008. Assumerà il nuovo incarico il primo marzo. Ancora da stabilire alla testa di quale dipartimento.

I grigionesi hanno inoltre plebiscitato l'iniziativa "contro la burocrazia inutile e la regolamentazione": i "sì" sono stati 20'237 contro 1'911 "no". Il testo del completato articolo 84 della Costituzione esige che Cantone e comuni adottino "misure per mantenere al livello più basso possibile la densità normativa e l'onere amministrativo per le imprese, in particolare la piccole e medie imprese (PMI)".

La proposta non era contestata. Il parlamento cantonale l'ha infatti adottata senza opposizione. Solo i Giovani socialisti la criticano per la sua "inutilità", senza peraltro opporvisi. Il Governo retico si è già impegnato nel senso indicato dall'iniziativa.

Il PLD festeggia così un doppio successo dopo il duro colpo subìto lo scorso 23 ottobre alle elezioni federali: la sua percentuale elettorale è crollata dal 19,1 all'11,9% e il suo consigliere nazionale uscente Tarzisius Caviezel, a Berna da soli quattro anni, non è stato riconfermato. Il PLD non è quindi più rappresentato alla Camera del popolo per la prima volta dal 1919, ossia dall'introduzione del sistema proporzionale.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Cambia la tua password

Desideri veramente cancellare il tuo profilo?